CERCHERAI ALTRI MONDI – Roberto Rossi

CERCHERAI ALTRI MONDI

MENTRE ANCORA NON HAI CAPITO COSA CI FAI QUI

Cercherai altri mondi, vagherai in cerca di te stesso e di una risposta alle tue domande che sulla Terra dopo averla distrutta non hai trovato. “Chi sono?” “Cosa sono? “. E sopratutto “Cosa ci faccio qui?”
Non avendo trovato o non avendone avuto la volontà di aver risposte, e nella viscerale smania di curiosità, sarai errante nello spazio e, forse, infettare col tuo fare, altri mondi, finché non incontrerai chi la risposta saprà darla, ma che non piacerà.
Sulla Terra, hai vagato tra mille e mille confini, mille e mille guerre, mille e mille inganni e tuttora è ancora così, senza una vera meta degna di un essere intelligente. Dotato di ragione e senso, che poi è, o sarebbe la tua unicità, a causa del tuo gigantesco “io” tutto hai perduto divenendo un mostro mentale, che da un lato sei cosciente d’essere, dall’altro sei perduto dentro quell’essere oscuro che ti porti appresso.
Risultato? Mille tentativi inutili di conquistare la pace, seppur cercata forse senza convinzione, che poi sarebbe incontrare te stesso se ne avessi il coraggio, preferendo fare in migliaia di anni, guerre di ogni tipo contro te stesso. Ora la tecnologia e la scienza ti porterà a viaggiare nello spazio e forse abitare in qualche satellite naturale come la Luna o di qualche pianeta per esempio Marte…e magari qualche immensa struttura extra pianeta e poi…avanti. Già ci sono progetti di potenze militari agguerrite e pronte a spendere vere montagne di denaro per eserciti spaziali. “Il dogma del primitivo, essere violento, e le sue ancestrali paure sono sempre dentro all’umano, (non c’è tecnologia che tenga)”.
Porterai anche lassù la tua nefasta indole di selvaggio mentale. È una triste considerazione, ma è piuttosto realistica in quanto qui sulla Terra, hai dimostrato una vera e cronica incapacità di essere parte della Terra stessa, diventando un aguzzino, un predatore, un distruttore di una bellezza senza pari e unica nel circondario siderale. Poi nel terzo millennio, che doveva essere migliore, cosi credevi, sei ancora lì con il razzismo, le “razze”, i saluti romani o fascisti o nazisti, di terribile memoria, con l’odio, con guerre ovunque per i soliti stantii motivi. Cosa c’è di diverso dal passaro recente e quello remoto ad oggi? Nulla, se non che la tecnologia e la scienza, manipolate, hanno costruito armi ancora più micidiali. Ma tu, umano, nel tuo piccolo cervello covi ancora l’arcaismo cavernicolo, lo stesso di quando pieno di curiosità, paure e terrore dell’ignoto, uscendo dalla caverna, avanzavi incerto in quel percorso che ti avrebbe portato ad un essere incapace di amare la vita e il pianeta stesso. Oggi, col tuo gigantesco “io”, sei ancora incapace di comprendere cosa sia essere una vera unicità avendo ragione e senso e incapace di capire la bellezza di essere parte di un insieme di nome Natura. Ed ancora non hai compreso cosa ci fai qui sulla Terra. Questo ci porta al terzo millennio d.C. con la mente insanguinata e la pace ancora al di là da venire. Dispiace vedere che tanta bellezza sia in menti lordate di egoismo e di tutti i suoi effetti collaterali.

P.S. Questa nota espressa da me non annulla la positività che c’è in questo malandato mondo. Dispiace solo che si spreca tempo prezioso come avessimo una replica di vita.

ANDRAI SU MONDI DIVERSI

Andrai su mondi diversi
di diversi mondi
senza aver compreso
i mondi dentro te.
Vagherai nel tuo mentale etere
tra ombre e fantasmi
da te stesso creati.
Brancolerai come un ossesso
tra neuroni mancanti
e mancati neuroni
in quell’univervo neurale
immenso e mai conosciuto.
Viaggerai con l’ansia del migrante
cercando nello spazio siderale
ciò che sulla tua Terra
non hai voluto trovare.
Dovrai viaggiare
dentro te
in oscure galassie mentali
e vortici neuronali
per trovare l’umano che sei.
E finché non lo troverai
sarai sempre
un primitivo animale
che vaga…vaga…vaga…
e non ci saranno altri mondi
altri pianeti
che ti daranno
ciò che qui
hai sprecato.

Testo, poesia e particolare di un altro dipinto dedicato ai Mondi di Roberto Rossi. Pittore, poeta, scrittore.

Author: verbumlandiart

L’associazione VERBUMLANDIART ha sede legale in Via Raffaele Vaglio, 15 - 73044 a GALATONE in Prov. di Lecce, è nata dalla volontà della sig.ra REGINA RESTA, di cui è Presidente- VERBUMLANDIART ha realizzato una rete di iniziative culturali e di interesse attraverso incontri, convegni, rassegne, reading, spettacoli, presentazioni di autori, performans di artisti, cinema, mostre, concorsi e quant’altro abbia la connotazione di iniziative di interesse culturale, si è impegnata a valorizzare il patrimonio storico, culturale e artistico italiano. La cultura, l’arte e l’informazione sono la scelta sicura e strategica del futuro per un Paese sempre più consapevole della propria storia, della propria identità e della capacità di promuovere creatività e innovazione, coinvolgendo attivamente scuole pubbliche e università, che hanno un ruolo fondamentale per far maturare linguaggi e strumenti utili all’accrescimento culturale, per questo l’associazione promuove l’arte in tutte le sue forme, dando spazio ad artisti affermati ed al contempo cerca di scoprire nuovi talenti dando loro la possibilità di crescere, confrontandosi e sottoponendosi alla sincera valutazione di esperti di ogni settore, capaci di dare un giudizio e soprattutto un consiglio per migliorare qualitativamente la propria produzione artistica. Non ha fini di lucro ed ha lo scopo di promuovere attività artistiche e culturali da divulgare sul territorio nazionale e internazionale e permettere l’accesso e la fruizione della conoscenza a tutti. L’associazione può contare sull’apporto di professionisti che mettono a disposizione il loro sapere e talento, che collaborano alle iniziative e che di volta in volta sono interpellati per la loro conoscenza e preparazione. CONSIGLIO DIRETTIVO RESTA Regina – Presidente; PALMERINI Goffredo – Vice Presidente e Responsabile del Settore Comunicazione e Stam pa; PRISCO Anna – Vice Presidente e Responsabile del Settore Prosa ed Editoria; VAGLIO Antonietta – Segretaria; VAGLIO Guido – Tesoriere; AUGIERI Carlo Alberto – Responsabile del Settore Rapporti con le Università e gli Enti; CIMINO Annalena – Responsabile del Settore Poesia; DANIELI Giancarlo – Responsabile del Settore Comunicazione e Grafica; DOBRILLA Mirjana – Responsabile del Settore Rapporti con gli Stranieri. COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI LENOCI Francesco (Presidente); NISI Livio (Membro effettivo); VAGLIO Valerio (Membro effettivo); DANIELI Irene (Membro supplente); VANTAGGIATO Andrea (Membro supplente). COLLEGIO DEI PROBIVIRI CAMELLINI Sergio; CAMPA Annamaria; INGROSSO Madia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *