“IL BAMBINO VITRUVIANO L’INNOVAZIONE DI JANUSZ KORCZAK “ Dario Arkel*

“IL BAMBINO VITRUVIANO L’INNOVAZIONE DI JANUSZ KORCZAK “ Dario Arkel*

questo video è dedicato al dottor Janusz Korczak, medico, pedagogista, letterato, vittima con i suoi bambini del campo di sterminio di Treblinka

Il rivoluzionario pensiero pedagogico di Janusz Korczak, pediatra e letterato ebreo polacco, ha conservato tutta la sua dirompenza dopo aver attraversato gli orrori di due guerre mondiali, diventando oggi una delle testimonianze più illuminanti che si possano distinguere nelle tenebre della Shoah. Nel 1911 Korczak fu ispiratore, costruttore e direttore dell’orfanotrofio ebraico Dom Sierot a Varsavia: un’utopia realizzata, «la meraviglia dei bambini soli». L’esperienza del Dom Sierot, insieme alla storia della sua vita e soprattutto della fine della sua vita, fa di Korczak «uno degli uomini migliori che il pianeta abbia mai ospitato». In un saggio composito che lega l’esempio del pedagogista al nostro presente «rapace», dominato dall’intolleranza e dalla semplificazione, Dario Arkel esplora le possibilità creative dell’infanzia e traccia la figura del “Bambino Vitruviano”, a fondamento di una società della condivisione dove i bambini non siano ridotti e schiacciati sul mondo adulto, ma liberi di essere se stessi.

*DARIO ARKEL

Docente di Pedagogia Sociale all’Università di Genova, scrittore di narrativa, saggista e poeta, Dario Arkel è tra i maggiori esperti della vita e dell’opera del pedagogo ebreo polacco Janusz Korczak. Con i suoi saggi ha vinto il Premio Ischia-Rea e il Premio Franco Angeli dei formatori italiani.

In occasione del trentesimo anniversario della Carta dei Diritti del Fanciullo, Arkel, attraverso il suo libro “Il Bambino Vitruviano”, analizza la figura del bambino partendo proprio dal pensiero pedagogico di Janusz Korczak, pediatra e letterato ebreo polacco, che, attraversando gli orrori di due guerre mondiali, ha ridefinito, grazie alla sua Casa dell’Orfano, la figura del bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *