Dr JERNAIL SINGH ANAND… .un filosofo della vita linguistica e della letteratura / Saggio della poetessa italiana Claudia Piccinno

Dr JERNAIL SINGH ANAND… .un filosofo della vita linguistica e della letteratura

3. Claudia Piccinno

Saggio della poetessa italiana Claudia Piccinno

L’interpretazione del testo è tutt’al più un processo proteiforme in cui non c’è nulla di costante tranne il cambiamento. La creazione del testo, infatti, è il risultato di un momento creativo, che, una volta superato, potrebbe non essere riprodotto. Allo stesso modo, l’interpretazione del testo è anche un sottoprodotto di un momento particolare, in cui sono in gioco fattori personali, politici e sociali, e questo momento di creatività interpretativa non può mai ripetersi, rendendo il creativo e interpretativo

processi altamente endemici per le credenziali biografiche dell’autore o del lettore e per l’impostazione culturale nel momento cruciale della creatività o dell’interpretazione.

jernail S Anand

Dr Jernail S. Anand

Sono totalmente d’accordo con questa teoria del dottor Anand, anzi penso che ogni libro sia un punto di incontro tra lo scrittore e il lettore in un momento specifico e in un luogo specifico, in base alle emozioni che ognuno di loro sta provando in un momento specifico.

Allora cosa posso dire di questo prolifico scrittore e filosofo (ha scritto 40 libri) se non quello che le sue poesie hanno risvegliato nella mia anima? I suoi versi mi hanno trasmesso autostima e un senso di libertà: ” Fuori sono libero come i venti / sfrenato come l’acqua “

Lo ammiro per il suo pensiero innovativo sulla reciprocità, scrive : “Credo che prima della sua morte l’uomo debba restituire alla società ciò che ha ottenuto da essa. La condivisione di conoscenza, tempo, ricchezza e luce dovrebbe essere una questione di privilegio “.

Non è un intellettuale chiuso in una torre d’avorio, si preoccupa dell’umanità e si lamenta dell’olocausto e delle tragedie del nostro secolo. “E, Dio, disperato, tornò alle sue sante dimore; trovare la luce dell’amore / scomparire dall’abitazione umana .. “

Scrive in Romantics   “Amo la brigata romantica della società; che salta fuori dalla scatola e spezza le catene d’oro; tutti coloro che amano e si trasformano in delinquenti proclamati e tutti coloro per i quali le regole sono prigioni “

in Relating and Realizing   “come posso cercare una salvezza personale quando i miei compatrioti stanno soffrendo umiliazioni e dolore? In questo stesso Dio demain? “

Eppure è una costante della sua poesia anche la ricerca introspettiva , il suo dialogo sempre interrotto con la sua anima, ad esempio in Unamused la sua anima dice al corpo: “Sono roba incontenibile / esisto senza di te .. Sono vastos come il cosmo / e vieni in te solo quando respiro… ” anche se scrive in un’altra lirica “ tutta la vita, sono andato avanti spinto dai desideri del corpo; l’anima che spesso alzava la testa in rivolta a volte veniva internata in un luogo sicuro dove moriva per soffocamento ……… ”

È paragonato a Gibran, credo sia più innovativo nei suoi pensieri, in particolare riguardo al rapporto tra uomo e donna, in Non serve , si legge: “Mi stupisco della cacofonia del matrimonio che finisce con i divorzi; la società è troppo con noi adesso; costringere le persone a vivere insieme a partner a loro estranei ……. ” , inoltre: “l’uomo e la donna sono due opposti che non possono essere separati; coloro che denigrano l’uno ed elevano l’altro sono i veri incubatori di squilibrio e criminalità / sentirà tornare da noi? Mi chiedo; per riportare l’equilibrio e andare oltre il pensiero di genere dei due come indispensabili assoluti “.

Qui possiamo assaporare la sua visione pedagogica dell’uomo e il suo desiderio di una società egualitaria, comunque crede nelle risorse dell’uomo, nel suo libero arbitrio .. “Io sono un sistema / una realtà organizzata // che ha dimensioni mitiche e potenzialità favolose . “

La sua spiritualità e la sua forza interiore attingono all’arte e alla poesia : io sono solo un artista / come un muratore / sto solo mettendo mattoni su mattoni / cosa deve essere fatto / cosa sarà finalmente, / non per me; / questa è una visione / che trascende la mia comprensione; / Sono lì solo / per vedere e meravigliarsi … “

Forte è la dicotomia tra l’uomo e Dio “I miei pensieri sono i miei pensieri / anche se traboccano di te / sei un mago / un mago / un incantatore / o mio Dio ” luce e oscurità, anima e corpo, carne e spirito, gioia e dolore .. ” siamo lampade e desideriamo che l’oscurità si moltiplichi …”

Infine, ma non meno importante, crede in una terza dimensione, che secondo me è l’amore universale tra le persone .. “ il punto in cui tutti gli universi si incontrano”, una grande metafora del rapporto umano.

Grazie Dr JS Anand, è una grande gioia e un’avventura di apprendimento per me leggere i tuoi lavori.

Claudia Piccinno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *